Fulvia Mancini inizia lo studio del pianoforte e del violoncello a otto anni e si diploma con la prof. Marianne Chen a Modena con il massimo dei voti. La professoressa la incoraggia a proseguire gli studi dal maestro P. Demenga con il quale consegue il Master in performance con lode. L'interesse per lo studio dello strumento ad alti livelli la indirizza nella classe del prof. A.Meneses. Sono anni in cui si perfeziona nella musica da camera per duo con il Trio di Trieste a Siena, ricevendo dal Maestro De rosa la borsa di studio Contestabile, e con i famosi violoncellisti Maria Kliegel, Peter Bruns, Silvia Chiesa.

Nel 2004 ottiene il primo premio assoluto nella Rassegna musicale M.Benvenuti di Vittorio Veneto, nel 2006 il secondo premio al Trofeo Internazionale della musica che ha visto la partecipazione di giovani musicisti provenienti da 12 paesi europei, e nel 2007 ottiene il secondo premio “Virtuosité” all'Agimus di Padova.

Nel 2009 fonda il DUO ATHENA con la pianista Irene Puccia. Il duo nasce in seno al concorso e viene premiato nella finale del concorso “klassik auf der strasse” di Bad Ragatz. Fulvia é stata membro della prima orchestra L.Cherubini fondata da Riccardo Muti nel 2005 ed ha suonato con direttori e solisti di fama internazionale.

Nel 2005 ha inciso per la EMI un disco di musica pop-elettronica con il quintetto “Quintessenza”.

Nel 2011 viene invitata da Pierre Amoyal a far parte della Camerata Lausanne come primo violoncello e registra in qualità di violoncello solista, il Concertone grosso di Mozart pubblicato da Warner Classics nel 2013. Con la Camerata si esibisce inoltre in diversi Paesi, con i Virtuosi di Mosca sotto la direzione del M.Spivakov e al Conservatorio di Mosca.

E' regolarmente invitata a partecipare ai concerti della Zürcher Kammerorchester sotto la direzione di stimati direttori quali Sir Roger Norrington.

Dal 2015 é direttrice artistica del Festival “Regina Musica al Castello baronale” di Maenza.

Si é laureata in legge a 23 anni presso l'università degli studi di Bologna e nel frattempo, accanto alla sua professione di camerista ed insegnante di violoncello nella Musikschule di Illnau Effretikon, non ha abbandonato la sua prima passione, la scrittura di romanzi.